Consigli per gli acquisti: la nuova rivista “Progettazione Sismica” della IUSS Press


Dopo aver inaugurato la sezione “Consigli per gli acquisti” con le staffe della Thorax, ecco un secondo appuntamento. Ai lettori che quotidianamente seguono questo sito (circa un migliaio dicono le statistiche, ne sono onorato…) voglio consigliare un altro acquisto di sicuro interesse; trattasi della nuova rivista “Progettazione Sismica” edita dalla IUSS Press e diretta da Gian Michele Calvi, la quale annovera nel comitato editoriale nomi di spicco, quali Edoardo Cosenza, Antonello De Luca, Mauro Dolce, Gaetano Manfredi, Federico Massimo Mazzolani, Aurelio Ghersi, Antonio Borri e moltissimi altri ancora.

Progettazione Sismica potrà inoltre avvalersi della collaborazione del ReLUIS (Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica), di EUCENTRE (Centro Europeo di Formazione e Ricerca in Ingegneria Sismica), del CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri), del Dipartimento della Protezione Civile e del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

La rivista si occuperà di: Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Isolamento sismico: le tappe storiche dal 1266 ad oggi


OFS - Isolatore

I recenti terremoti in Abruzzo hanno riportato in auge alcune riflessioni sull’ingegneria sismica, in particolare c’è da chiedersi se il nostro modo di progettare è corretto oppure se non sia necessaria una “rivoluzione culturale“.

Anzitutto è doverosa però una premessa: non saranno nuove norme o nuovi elaboratori elettronici il vaso di Pandora, soprattutto se poi in cantiere si eseguono orrori di esecuzione (vedi “Terremoto in Abruzzo: le staffe, queste sconosciute…“, che richiamo spesso perché è un argomento che ho particolarmente a cuore).

Però qualcosa di innovativo effettivamente c’è, anzi, c’è anche da un bel po’, ma nel mondo delle costruzioni le innovazioni seguono tempi paragonabili alle ere geologiche. Partiamo dalle basi: i criteri di progettazione seguiti in passato si basavano sulla resistenza. L’edificio doveva resistere alle azioni rimanendo in campo elastico; il criterio prende il nome di FBD, Force Based Design, ovvero una progettazione basata sulle forze, sulla resistenza per l’appunto.

Ma c’è da fare una riflessione però: Leggi il resto dell’articolo

Consigli per gli acquisti: le staffe Thorax, qualità e risparmio con perfetta rispondenza al progetto


Thorax 4

Inauguriamo una nuova sezione denominata “Consigli per gli acquisti“; con essa si segnaleranno tutti quei prodotti meritevoli di menzione e che possono realmente far crescere il settore delle costruzioni, ancora troppo legato a quanto avviene in cantiere, con progetti spesso non rispondenti a quanto previsto dal progettista.

Dopo aver notato la diffusione di un articolo pubblicato su questo sito riguardante le staffe (vedi: “Terremoto in Abruzzo: le staffe, queste sconosciute…“) e dopo aver constatato le difficoltà degli operatori del settore nel farsi valere in cantiere, si è deciso di partire proprio da questo elemento fondamente, ovvero la staffatura.

Partiamo da qualche testimonianza presa da IngForum: Leggi il resto dell’articolo

“Proprietà sezioni v.01”: foglio Excel per le caratteristiche geometriche di sezioni qualsiasi


Proprietà

Rendiamo disponibile un nuovo file per la sezione downloads mediante il quale è possibile calcolare le caratteristiche geometriche (area, perimetro, posizione baricentro, i quattro moduli di resistenza, le due inerzie, assi principali e inerzie principali) di qualsiasi sezione senza presenza di fori all’interno.

Nella porzione sinistra del foglio si inseriscono i dati relativi ai vertici, dopo averne specificato la quantità nella casella apposita: Leggi il resto dell’articolo

Smorzamento relativo al critico nelle analisi delle strutture: cenni e valori consigliati


oscillazioni-smorzate-ofs

In questo articolo parleremo dello smorzamento delle strutture e dei valori che possiamo assumere nei nostri calcoli. Come al solito, si cercherà di essere sintetici e chiari, per quanto possibile.

Iniziamo a dire cos’è lo smorzamento; le strutture possono essere studiate con riferimento a SDoF (Single Degree of Freedom) e MDoF (Multi Degree of Freedom), ovvero sistemi ad uno o più gradi di libertà.

L’oscillatore semplice è un SDoF ed è schematizzabile come un pendolo di massa M e rigidezza K. Una grandezza fondamentale per questo sistema è il periodo T, espresso in secondi, che rappresenta il tempo necessario ad effettuare un’oscillazione completa.

Il periodo è una grandezza intimamente legata alla massa ed alla rigidezza; in particolare, se aumentiamo la massa abbiamo oscillazioni più lente, mentre se aumentiamo la rigidezza le oscillazioni saranno più rapide. Questo significa che il periodo è direttamente proporzionale a M ed inversamente proporzionale a K:

1

Il periodo è quindi indicativo della Leggi il resto dell’articolo