PROCOID – PROgetto COstruzioni IDrauliche v. 1.3 (dimensionamento serbatoio, blocchi di ancoraggio, verifica statica tubazioni interrate, verifica alla massima pressione, verifica alla massima depressione)


grafico-carichi1

Il PROCOID giunge alla terza edizione con la possibilità di diagrammare l’andamento dei carichi nel terreno per la verifica delle tubazioni interrate. Ma andiamo con ordine: quando vogliamo eseguire questo tipo di verifica dobbiamo anzitutto valutare quali siano le sollecitazioni sulla nostra tubazione. Si hanno:

  • Carico statico da rinterro (la porzione di terreno agente al di sopra dell’estradosso);
  • sovraccarico dinamico (il traffico veicolare);
  • sovraccarico statico (eventuale ulteriore carico fisso oltre al rinterro);
  • carico idrostatico (il carico da falda);
  • carico da fluido trasportato.

La somma di questi carichi è l’azione da prendere in considerazione. A seconda che la nostra tubazione sia rigida o flessibile si eseguono verifiche diverse (carico massimo nel primo caso, deformazione massima nel secondo).

Risulta altresì evidente che a profondità elevate il carico statico del rinterro diventa enorme, mentre quello dinamico praticamente non si risente. Al contrario, in prossimità della superficie la colonnina di terreno diviene esigua, mentre il traffico comincia a dare problemi eccessivi.

Andando a diagrammare le funzioni dei carichi al variare della quota di posa possiamo individuare una sorta di range consigliabile, come visibile nella foto in alto.

Il grafico è limitato alla fascia di terreno che va da 0 a 6 metri (specifico per il sistema fognario), ma il programma consente comunque di calcolare i carichi a qualsivoglia quota.

Da notare che il grafico si può scalare a piacimento, così come è possibile visualizzare le coordinate dei punti (profondità ; carico agente) semplicemente passandoci il mouse sopra:

zoom-carichi

Cliccando col tasto destro nell’area del grafico si aprirà una finestra mostrante varie opzioni, tra cui la possibilità di stampare velocemente:

carichi-stampa22

o di salvare il tutto negli appunti per incollarlo velocemente nelle relazioni:

clipboard

Ricordiamo a questo punto le altre funzioni del programma:

  1. dimensionamento di un SERBATOIO:
    • volume di riserva;
    • volume di compenso;
    • volume antincendio;
    • dimensioni in pianta (L1, L2, H);
    • scarico di fondo;
    • scarico di troppo pieno;
    • collegamento alla canaletta di scarico;
    • pozzetto di shuntaggio con verifica del tempo di contatto per la preclorazione;
  2. verifica dei BLOCCHI DI ANCORAGGIO:
    • carico di collaudo;
    • spinta agente;
    • verifica allo scorrimento;
    • verifica al ribaltamento;
    • verifica di resistenza del terreno;
    • verifica di resistenza del calcestruzzo;
  3. verifica statica delle TUBAZIONI INTERRATE;
    • tipo di trincea (stretta/larga, come richiesto da normativa per beneficiare dell’attrito delle pareti);
    • tipo di tubazioni (rigida/flessibile per controllo, rispettivamente, del carico ultimo o delle deformazioni);
    • coefficiente di attrito rinterro-pareti;
    • coefficiente di Marston;
    • carico statico rinterro;
    • sovraccarico dinamico (funzione della tipologia di rete di traffico e del tipo di mezzi);
    • sovraccarico statico;
    • sovraccarico idrostatico;
    • carico da fluido trasportato;
    • carico totale;
    • reazione laterale del terreno con definizione della qualità della costipazione;
    • diagramma dei carichi al variare della quota di posa;
  4. verifica alla MASSIMA PRESSIONE INTERNA tramite relazione di Mariotte;
  5. verifica alla MASSIMA DEPRESSIONE INTERNA tramite relazione di Allievi.

In dettaglio, ecco la schermata per il dimensionamento del serbatoio:

Blocco di ancoraggio:

ancoraggio

Verifica statica delle tubazioni interrate:

Gli aspetti fondamentali cui porre attenzione sono:

  1. tipo di tubazione (rigida o flessibile) in base alla quale varia il tipo di verifica da effettuare: allo schiacciamento in un caso, alla deformazione laterale nell’altro;
  2. il tipo di trincea (larga o stretta) in base alla quale il programma stabilisce se è possibile contare sull’azione attritiva delle pareti dello scavo nel valutare il carico della porzione di terreno presente sulla tubazione.

Cliccando su “Esegui verifiche“, dunque, si aprirà una schermata oppure un’altra a seconda del tipo di verifica da effettuare; ecco quella relativa ad una tubazione flessibile:

Ed ecco quella relativa ad una tubazione rigida:

Per approfondimenti sui coefficienti da usare e sulla teoria in generale si rimanda alla bibliografia specifica.

E’ molto importante specificare il tipo di rete di traffico presente al di sopra della tubazione, così come la tipologia dei mezzi e la qualità della costipazione, altrimenti il programma vi segnalerà l’assenza di dati in un’apposita finestra di errore.

Verifica alla massima pressione:

massimapressioneschermata

Verifica alla massima depressione:

massimadepressioneschermata

N.B.

Dopo il successo delle prime edizioni, all’autore è stato proposto di aggiungere sempre più funzioni al programma e redigere un testo tecnico che possa essere un valido supporto per tutti i professionisti e gli studenti alle prese con l’esame di Costruzioni Idrauliche.

Il manuale prevederà una prima parte nozionistica, necessaria ad affrontare le principali problematiche trattate, ma priva di dimostrazioni fini a sé stesse e teorie importanti solo dal punto di vista teorico.

Nella seconda parte si parlerà dei problemi pratici che ci si trova ad affrontare nell’ingegneria idraulica. Saranno proposti una serie di argomenti con molti esempi applicativi, cercando di offrire una casistica che sia quanto più ricca possibile.

Nella terza parte saranno affrontati i progetti di un acquedotto e di un sistema fognario, in modo da garantire un riferimento chiaro e completo per studenti e professionisti.

Nella quarta parte verrà presentato il software allegato, il quale consentirà di risolvere automaticamente ogni problema proposto nelle sezioni precedenti. Il programma sarà sviluppato con lo stesso spirito che porterà alla redazione del testo, quindi sarà caratterizzato da immediatezza e facilità d’uso.

Insomma, chi è interessato al programma (e ringrazio chi mi sta scrivendo per ricevere una copia) e al manuale allegato, dovrà solo aspettare che sia completato e pubblicato.

Francesco Salvatore Onorio

ofs@hotmail.it

24 Responses to PROCOID – PROgetto COstruzioni IDrauliche v. 1.3 (dimensionamento serbatoio, blocchi di ancoraggio, verifica statica tubazioni interrate, verifica alla massima pressione, verifica alla massima depressione)

  1. matteo l. scrive:

    salve, sarei molto interessato al programma. mi dice dice come poterlo reperire? grazie

  2. Salve Matteo,

    il programma è in lavorazione per aggiungere sempre più funzioni. Anche il nome è provvisorio.
    La versione definitiva sarà pubblicata con un manuale che conterrà:

    – alcune nozioni teoriche fondamentali;
    – molti esercizi, esempi e progetti di riferimento (il tutto risolvibile anche mediante software);
    – istruzioni sull’uso del programma.

    Saluti.

  3. silvia seba scrive:

    quando lo pubblicate??

  4. andrea scrive:

    Molto interessante,
    aspetto con ansia e vi auguro buon lavoro!

  5. angelo scrive:

    sono interessato al PROCOID, quando sarà disponibile e come riceverlo? grazie

  6. Ciao Angelo,

    è in fase di sviluppo, sia il programma che il manuale che verrà allegato. Il prodotto finale sarà una guida ricca di esempi svolti e da svolgere col PROCOID.

    Appena verrà pubblicata la prima edizione (nel numero di 1000 copie) sarete subito aggiornati tramite questo sito.

  7. Afazio scrive:

    @ Francesco
    Posso prenotar fin da adesso una delle prime mille copie? Diciamo pure una prenotazione augurale.

  8. Grazie per l’augurio allora.😉

    Un eventuale riscontro positivo da un tecnico preparato e con esperienza come te sarebbe una bella soddisfazione.

  9. Paolo scrive:

    Buongiorno.
    Ci sono novità sulla data di uscita?
    Grazie.
    Saluti.

  10. Luca scrive:

    Salve, sono alle prese con il calcolo di una condotta in pressione interrata per un progetto preliminare. Mi chiedevo se al momento è possibile reperire il tuo programma.

  11. enzo scrive:

    Il software sarebbe utilissimo. E’ possibile averne una anteprima?

  12. Danilo scrive:

    Salve, mi unisco al coro degli interessati, sia al programma che al manuale, sperando di essere ancora fra i primi mille…

  13. gennaro scrive:

    scusa sarei interessato anche io….sono uno studente…davvero interessante!!!

  14. Pasquale scrive:

    sono uno studente di ingegneria e vorrei sapere anche io come ricevere il programma e il manuale allegato

  15. taripaolo scrive:

    Per cortesia vorrei sapere al più presto
    cosa si intende per carico esercizio He espresso in metri nel calcolo dei blocchi di ancoraggio in procoid?

  16. Marco scrive:

    Ma allora Procoid è finito e disponibile?

  17. alessandro scrive:

    ciao sono uno studente di ingegneria, volevo farle i miei complimenti per questo programma che dall’anteprima sembra ottimo e racchiude intorno a se molte caratteristiche utili.

    collegato ad un altro programma come epanet ci si risolverebbero un bel po di problemi

    cmq le porgo i miei saluti

    Alessandro

  18. alberto cappellari scrive:

    Buongiorno, vorrei sapere se è possibile avere una copia del programma PROCOID?
    grazie mille

  19. Ciao Alberto,
    al momento non è possibile perché è in fase di ultimazione il manuale che sarà allegato ad esso.

    Appena ci sarà la pubblicazione lo comunicherò prontamente tramite questo sito.

  20. gianluca scrive:

    vorrei sapere se è possibile prenotare una copia del manuale?
    grazie
    gianluca

  21. Pingback: Il problema della liquefazione dei terreni per edifici e tubazioni interrate « L'angolo dell'ingegnere strutturista

  22. Pingback: La verifica statica delle tubazioni interrate: l’influenza della rigidezza « L'angolo dell'ingegnere strutturista

  23. alessandro scrive:

    novità?

  24. Pingback: La verifica statica delle tubazioni interrate: l’influenza della rigidezza | Progettisti.news

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: